Detti e proverbi siculi

L’acqua si ni va ‘nta la pinnenza, l’amuri si ni va unni c’è spiranza.
L’acqua scende lungo il pendio, l’amore se ne va dove c’è speranza.

 

Bona maritata, senza sòggira e cugnata.
E’ ben sposata, la donna che non ha né suocera né cognata.

 

Fimmina bona, vali chiù di ‘na corona.
Una donna fine, val più di una corona regale.

 

Fimmina ca non s’allucia all’oru, vali chiossai di ‘n tisoru.
Donna che non si fa affascinare dall’oro, val più di un tesoro.

 

I fimmini quarchi vota dìciunu u veru, ma non lu dìciunu interu.
Le donne talora dicono il vero, ma non lo dicono intero.

 

A casa, senza a fimmina, ‘mpuvirisci.
La casa, senza la donna, impoverisce.

 

Hai chiù corna tu cà 'n panaru di crastuni!

Hai più corna tu di una cesta piena di lumache!

 

Cu camina cco zzoppu all'annu zzuppia.

Chi frequenta lo zoppo entro l'anno si mette a zoppicare.

Fimmina Vabbuta, mancu di luntanu si saluta.
Donna barbuta, non salutarla neppure da lontano.

 

Muggheri onesta, tisoru ca resta.
Moglie onesta, tesoro che resta.

 

Cu ti pigghi t'à ssumigghi.
Chi ti pigli ti rassomiglia.

 

Nun su’i biddizzi ca ti fannu amari, ma a gentilezza e lu bonu parrari.
Non sono soltanto le tue bellezze a farti amare, ma la gentilezza e il cortese parlare.

 

Nun ci po’ èssiri veru amuri, unni ognunu voli èssiri pattruni.
Non ci può essere vero amore , dove ciascuno voglia essere padrone esclusivo delle proprie cose.

 

Ama a cu t’ama, rispunni a cu’ ti chiama.
Ama chi t’ama, rispondi a chi ti chiama.

 

Petra ca nun pigghia lippu sa tira a ghina.

Pietra che non si ricopre di limi se la trascina la piena del fiume!

 

Cucini, cugnati e cumpari,o spissu i corna ti fanu attruvari.
Cugini, cognati e compari, spesso ti tradiscono.
 
Pensa o mali se vuoi u beni.
Pensa al male se vuoi il bene.
 
Fimmina ca si 'mpupa e fa tuletta, o 'nnamurata, o è cajorda netta.
Femmina che si fa bella, o è innamorata o non ha voglia di fare lavori domestici.